top of page

Il lusso?L'arte personalizzata a costi accessibili [The luxury?Affordable custom art]

Aggiornamento: 2 set 2020

Una cosa a cui si pensa poco, nei tempi dove la velocità è il nuovo e aggressivo mantra, è fermarsi a pensare appunto.

A cosa? Per esempio a ciò che ha importanza, quello che è indispensabile per la vita di ogni giorno come il cibo, un tetto sotto la testa, un lavoro dignitoso e l'amore di una persona cara o l'affetto incondizionato di un amico animale...e a ciò che invece "vogliamo" perché ce l'hanno tutti, perché sennò perdiamo status sociale oppure perché ci fa sentire accettati.


E l'arte cosa c'entra? Detto in poche parole: tutto.

Ogni scelta che facciamo è artistica, estetica o correlata al gusto che sia nostro o altrui.

Ci piace una borsa perché è famosa, perché ce l'ha una persona che ammiriamo o perché davvero è bella?


Alle pareti della case si trovano spesso belle foto di famiglia, che ornano anche le mie e rappresenatno bei ricordi, ma più spesso imitazioni (scarse) di opere famose...tra l'altro sempre le stesse: il "Bacio" di Klimt, l'"Ofelia" di John Everett Millais, le donne carismatiche di Tamara de Lempicka per fare qualche esempio veloce. Oppure poster di film famosi e bellissimi, iconici insomma le opere d'arte ricordate dalla "copertina".


Ma i quadri? Sono diventati trittici di fiori stampati in batteria, ingrandimenti di fotografie illustri o di città iconiche e disponibili a davvero poco prezzo per esempio nel negozio svedese di mobili più famoso del mondo.


E la creatività pian piano si accartoccia su stessa e mugola in un angolino, mentre giovani talenti pensano solo a riprodurre cartoon (la bellissima fan art che però non deve diventare seriale e solo per un personaggio sennò è ossessione) o visi di donne tutte uguali, con bocce sode e occhi grandi, chiome colorate e zigomi alti.

Viste riviste straviste, anche se bellissime ormai sono già vecchie.


Ecco perché è importante tornare a vedere coi propri occhi e accorgersi che il lusso moderno non è dato dallo spendere tanto, dal copiare la starlette di turno o avere in casa oggetti d'arredo e di design di cui nemmeno si conosce la storia.


Il lusso è avere qualcosa di personalizzato, fatto apposta per te.

Ferragamo, ad esempio, iniziò come un umile e misconosciuto creatore di scarpe ma il suo genio lo portò a vestire i piedi delle più belle e famose star hollywoodiane, e adesso a continuare una storia di successo e stile ormai quasi centenaria.


Ecco perché amo fare ritratti.

Non solo per la mia innata curiosità verso le persone e il loro viso o corpo, visto con gli occhi di un artista naturalmente, ma per dare un pezzettino di me e di chi ritraggo visto coi miei occhi a chi me lo chiede (o a chi mi piace).


Ha un costo, certo, e non transigo su questo.

Ho passato metà della mia vita a studiare e ad accumulare esperienza, successi e insuccessi che mi hanno formata, ad acquistare i migliori materiali per la miglior resa (in alcuni casi è vero: il materiale fa la differenza, come chi lo usa) e non mi piace sentirmi fare il prezzo da persone che pretendono di avere un quadro a 15€ perché lo trovano dappertutto.


Non ho prezzi alti, so che in epoca viviamo, i problemi di tutti i giorni sono anche i miei e vi assicuro che vivere di arte è come vivere di aria e d'amore in un mondo dove tutto deve essere subito fruibile.

Ma ci tengo sia a guadagnare che a portare cultura, non perché io ne sia un'ambasciatrice speciale o abbia un talento spropositato, ma perché studiando e perfezionandomi lo posso fare e, ragazzi!, mi piace farlo!


Io per 15€ io faccio tante altre cose o ritratti più piccolini, offro spesso anche tanti sconti e coupon per risparmiare ma avvicinarsi di più all'arte e all'artigianato.

Ma lo decido io e non una persona che vuole sfruttare anche la cosa più eletta e candida che ci sia, non io chiaramente ma l'arte.


Sennò ci sono sempre gli ingrandimenti fotografici oppure si possono provare tante app o andare al famoso negozio svedese ed essere comunque felici.


Scusate la lunghezza del post ma è un argomento che sento molto.


Voi cosa ne pensate?


 

One thing you think little about, in times when speed is the new and aggressive mantra, is to stop thinking precisely.

To what? For example, what matters, what is indispensable for everyday life such as food, a roof under the head, a dignified work and the love of a loved one or the unconditional affection of an animal friend... and what "we want" because they all have it, because otherwise we lose social status or because it makes us feel accepted.


What does art have to do with it? Put simply: everything.

Every choice we make is artistic, aesthetic or related to the taste that is ours or others.

We like a bag because it's famous, why does it have a person we admire or why it's really beautiful?


On the walls of the house there are often beautiful family photos, which also adorn mine and represent beautiful memories, but more often (poor) imitations of famous works... by the way, always the same: Klimt's "Kiss", John Everett Millais's "Ofelia", Tamara de Lempicka's charismatic women to give some quick examples. Or posters of famous and beautiful movies, in short, the works of art remembered by the "cover".


But the paintings? They have become battery-printed flower triptychs, magnifying of illustrious photographs or iconic cities and available at very low price for example in the most famous Swedish furniture store in the world.


And creativity slowly crumpled on itself and moaning in a corner, while young talents think only to reproduce cartoons (the beautiful fan art that however must not become serial and only for a character if not is obsession) or faces of women all the same, with firm mouths and big eyes, colored hairs and high cheekbones.

Views of magazines, even if beautiful are now already old.


That's why it's important to go back to seeing with your own eyes and realize that modern luxury is not given by spending so much, from copying the starlet on duty or having in the house furniture and design objects whose history you do not even know.


Luxury is having something personalized, made just for you.

Ferragamo, for example, began as a humble and unknown shoe maker, but his genius led him to dress the feet of the most beautiful and famous Hollywood stars, and now to continue a story of success and style now almost centuries old.


That's why I love to do portraits.

Not only because of my innate curiosity about people and their face or body, seen with the eyes of an artist of course, but to give a little bit of me and those I portray seen with my own eyes to those who ask me (or who I like).


It has a cost, of course, and I don't get on with that.

I spent half of my life studying and accumulating experience, successes and failures that formed me, buying the best materials for the best yield (in some cases it's true: the material makes a difference, like those who use it) and I don't like to hear myself make the price from people who claim to have a 15€ painting because they find it everywhere.


I do not have high prices, I know that in the era we live, the problems of everyday life are also mine and I assure you that living in art is like living with air and love in a world where everything must be immediately usable.

But I want both to earn and to bring culture, not because I'm a special ambassador or have a disproportionate talent, but because studying and perfecting myself I can do it and, guys!, I like to do it!


I do many other things or smaller portraits for 15€, I often also offer many discounts and coupons to save but get closer to art and crafts.

But I decide it and not a person who wants to exploit even the most elected and candid thing that there is, not me clearly but art.


Otherwise there are always photo enlargements or you can try many apps or go to the famous Swedish store and still be happy.


Sorry about the length of the post but it's a topic I hear a lot.


What do you think?

14 visualizzazioni0 commenti
bottom of page